Bigino

Alcuni giorni fa, alla prima riunione del neonato comitato dislessia dei genitori della scuola di Sofia, mi sono resa conto che anche tra i genitori di bambini con DSA c’è scarsa informazione, non tanto su cosa siano i DSA ma su quanto materiale ci sia a disposizione per far conoscere i DSA.
Nessuno conosceva il seminario di Richard Lavoie “come può essere così difficile”, solo una mamma conosceva il Demone Bianco di Giacomo Cutrera. Qualcuno pensava che la legge 170 fosse uscita quest’anno.

Allora ho pensato di crearmi un bigino dei materiali che in questo anno e mezzo mi sono stati utili, sperando che possano servire anche ad altri:

Il mio bigino

Se vorrete arricchirlo con le vostre segnalazioni ne sarò felice.

riTorno A sQuola

Inizia il nuovo anno scolastico, per noi l’ultimo delle elementari. L’entusiasmo è ben nascosto sotto le suole delle scarpe, non ho mai sofferto tanto la scuola come in questi anni.

L’estate non mi è stata sufficiente per rigenerarmi, troppa rabbia accumulata, troppe tensioni che riemergono ogni giorno nel mio rapporto con Sofia. Razionalmente riconosco i miei errori, ma la pancia arriva sempre prima della ragione.

Continua a leggere

Per chiudere un discorso (UONPIA e PDP)

Non ho più scritto la conclusione del mio “rapporto” con l’UONPIA.

Alla fine, riuscii a parlare con la dott.ssa competente per DSA e ad ottenere la certificazione sulla base dei test già fatti privatamente.

Con la scuola, all’inizio anno scolastio richiedemmo la stesura del PDP e ricevemmo risposta “negativa”.

Vedendo che comunque le cose stavano cambiando per Sofia e che lei era serena, decidemmo di non pretendere il PDP fin tanto che la situazione fosse rimasta tranquilla. Non volevamo creare atriti con gli insegnanti perché, nonostante la mia personalissima non buona opinione della scuola, continuiamo a credere che la collaborazione sia l’unica via possibile. Ora, al colloquio avuto a fine novembre, gli insegnanti ci hanno detto che devono preparare il PDP per nostra figlia, e l’hanno detto come se non ne avessero mai sentito parlare prima. Nemmeno si sono resi conto che stavamo parlando dello stesso PDP che avevamo chiesto loro a settembre.

Un passo alla volta. In questo percorso bisogna avere moooolta pazienza con noi, con i nostri figli e con tutti coloro che, loro malgrado, ci ruotano intorno.

L’acqua cheta rompe i ponti.

Attesa

E’ da quasi un mese che non scrivo, ci sono state altre arrabbiature in questo mese che ho preferito non raccontare. Ora siamo in attesa di avere risposte, di capire la disponibilità della scuola, di capire come muoverci, anche se Sofia ha grandi capacità e se la sta cavando benissimo … ma l’attesa è snervante, ci vogliono grandi doti di pazienza che spesso non ho, anche per questo ho smesso di scrivere, sarei stata poco serena nei miei “giudizi”, ora semplicemente aspetto … sul bordo del fiume, scherzi a parte, vediamo di capire come vanno le cose, come e se riusciamo a collaborare con la scuola.